Domenica 11 settembre passeggiata tra i Totem e concerto di Paolo Tarsi

11
set
2016

dsc_9754-copia

Domenica 11 settembre penultimo appuntamento della VII edizione della “Land Art al Furlo” sul tema “Totem: scritture verticali”, un originale percorso attraverso 34 totem realizzati da artisti italiani e stranieri.

E proprio domenica, alle ore 16, si ripeterà la visita guidata a cura della storica dell’arte Francesca Luslini passeggiando fra i totem. Nel boschetto, nel frutteto antico, lungo la strada bianca, si scopriranno tutti i lavori di questa edizione. Tante mani e mille materiali: dal corten al gesso, dalla corda alla pietra, e poi ceramica, specchio, legno, raku, mosaico, farfalle, onice, foglia d’oro… cosa non si fa per stupire!

Alle ore 17.30 seguirà una performance poetica e sonora della poetessa e cantautrice umbra Claudia Fofi, appena rientrata dal Festival della paesologia “La Luna e i Calanchi” di Aliano. A metà strada tra canzone e poesia, la performance parte dal libro “Odio le ragioniere” (Secop di Bari) della Fofi per accompagnarci, attraverso poesia e canzoni, in un viaggio all’interno del tradimento e dell’abbandono. Un’autrice che riesce a far sorridere passando con leggerezza e atroce ironia su quei tasti personali che risuonano nel vissuto di ognuno.

Alle ore 18,30 concerto di Paolo Tarsi, one man show in “Furniture Music for New Primitives” (Cramps/Rara Record). Pianista, organista, compositore, Tarsi, poco più che trentenne, si è già esibito al Maxi di Roma, al Museum di Matera e allo Spectrum di New York. Fine ricercatore di sonorità elettroniche, ama l’ambient music (Brian Eno), il rock sperimentale, l’avant jazz. Opera di fusion e mix d’autore con un omaggio a William S. Burroughs. Al tavolo delle sorprese ci sarà la poliedrica Lilly Wagner con dischi, libri ed il “Mistero del Furlo”.