La Sirenetta scende dalla Diga

12
set
2015
tuffo di Luce Raggi

SABATO 12 SETTEMBRE 2015 ALLE ORE 16 LA SIRENETTA SCENDE DALLA DIGA

Dopo cinque anni di tuffo sospeso sul fiume, viene rimossa la scultura della “Sirenetta del Furlo”.

E’ l’opera “Tuffo” di Antonio Sorace, scultore romano-furlese, il quale, insieme ai professori e agli studenti della Scuola di Restauro di Urbino, Sabato 12 alle ore 16, salirà sulla Diga del Furlo (che rimarrà aperta un’ora per l’occasione) e compirà la cerimonia del distacco della tuffatrice dal coronamento della Diga Enel.

La scultura verrà poi deposta su un tavolo di osservazione e comincerà il Laboratorio Aperto condotto dal Maestro d’Arte Michele Papi. Il professore urbinate, responsabile del Laboratorio di Restauro dell’Università di Urbino, esperto in restauro dell’arte Contemporanea, collaboratore di Enzo Cucchi, esaminerà a fondo la scultura (anche con tecniche all’avanguardia) e, insieme all’autore, verrà decisa la migliore modalità d’intervento. Dopo i necessari lavori, la “Sirenetta” potrà tornare al suo posto di osservatrice del mondo.
La Tuffatrice era stata posizionata, così fluttuante sul fiume Candigliano, dalla spalletta della Diga, il 20 agosto del 2010, giorno del ritiro delle truppe Usa dall’Irak, come segno di pace e di futuro, e in cinque anni ne ha viste tante. Nel 2011 l’alluvione a Genova, nel 2012, sopportò, paziente, il nevone, e fu anche l’anno del terremoto in Emilia e del Dragone per la Cina; ha visto dimettersi un Papa, nel 2013 ascoltò quel semplice “Buonasera!” del nuovo Papa Francesco; nel 2014, record di freddo nel Montana -53°, la Libia esplode e Samantha saluta le stelle, a Cuba tornano gli Americani.

Quest’anno, mentre Palmira muore e una scultura di Alberto Giacometti registra un record mondiale all’asta, dopo questa siccità estiva, finalmente la “Sirenetta” si riposerà un po’ nella braccia degli studenti della Scuola di Restauro di Urbino.

INFO: Casa degli Artisti, Sant’Anna del Furlo- Fossombrone (PU)
www.landartalfurlo.it; 342 3738966

 

anto sulla scala controlla l'opera