Land Art al Furlo IX edizione: Carla Sello. Uovo cosmico 

14
Ago
2018

Carla Sello
Uovo cosmico 

IX Edizione Land Art al Furlo: “NERO”
25 agosto 2018 ore 16.00
Parco delle Sculture – Galleria Elettra | Sant’Anna del Furlo – Fossombrone (PU)
Dal 25 agosto al 23 settembre 2018

 

Uovo cosmico

Il nero è stato un colore santo e diabolico, reazionario e rivoluzionario, totalitario, borghese, terrorista, moralizzante e creativo. Secondo la Genesi, prima che Dio creasse la luce, tutto era pervaso da questo colore primordiale. Il nero quindi ha preceduto ogni altro colore. A livello universale, è facile immaginare che lo spazio vuoto antecedente al Big Bang fosse nero, come anche a livello particolare lo sia la prospettiva del feto, con gli occhi chiusi all’interno dell’utero. Svariate raffigurazioni della Grande Madre vengono fatte su ossidiana nera, e nella notte dei tempi il nero è associata alla fertilità, perché è il colore della terra da cui germogliano i semi e crescono i frutti. I luoghi sacri degli uomini sono antri scuri, caverne, in cui si trova rifugio, in cui vengono celebrati rituali d’iniziazione, dove si conservano oggetti sacri e tesori. La caverna quindi funziona come una metafora uterina di trasformazione e rinascita. Ho scelto la forma dell’ uovo cosmico, utero e matrice, oppure, in senso microcosmico, uovo filosofico o alchemico che mantiene l’originario significato creativo essendo il recipiente in cui si svolge la cova dell’Opera, ossia dove la materia viene trasmutata. L’uovo, dunque, nelle varie epoche e culture assume il senso fondamentale della vita in gestazione e della coscienza completa, veicolo principale dell’illuminazione interiore: l’uno a cui aspira il molteplice e da cui il molteplice trae origine. 

Carla Sello è Docente di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Lecce – Italia. E’ stata docente di Pittura, Architettura e Grafica presso la Private University of Science and Art di Aleppo, in Siria. Si è formata presso l’Istituto Statale d’Arte di Udine e l’Accademia di Belle Arti di Firenze.                                 In seguito arricchisce le sue tecniche diplomandosi presso Aibrush Florence Visual Istitute. Si può dire che le opere di Carla Sello siano un quick medium tra pittura e scultura, visto l’uso di svariati materiali e tecniche. Le linee fluide e pulite, le forme e  i colori che si manifestano nelle  sue opere si ispirano all’osservazione della natura. Pittura e scultura quindi, con l’uso di tutti i materiali possibili,  che la vedono toccare non solo l’arte astratta e scultorea, ma anche quella figurativa. Carla Sello organizza e partecipa a mostre personali in tutto il mondo. Nella ricerca artistica ha ricevuto premi per la pittura, la scultura e la grafica a livello nazionale ed internazionale. Le sue opere sono pubblicate in diversi periodici, riviste e cataloghi d’arte.