Land Art al Furlo IX edizione: Donatella Vici. Nero in opera 2018

14
Ago
2018

Donatella Vici
Nero in opera 2018
In collaborazione con Mauro Bagella e Marialisa Monna

IX Edizione Land Art al Furlo: “NERO”
25 agosto 2018 ore 16.00
Parco delle Sculture – Galleria Elettra | Sant’Anna del Furlo – Fossombrone (PU)
Dal 25 agosto al 23 settembre 2018

Nero in opera 2018

L’idea per questo progetto mi è stata suggerita dal tema stesso proposto per questa IX edizione, il nero. Avendo molto amato i testi di Margherite Yourcenar in particolare il suo libro “L’opera al nero” e avendone, negli anni passati, raccolto in un quaderno dei brani che mi avevano particolarmente colpito per una certa corrispondenza ed affinità con la mia ricerca artistica, di fronte alla parola NERO ecco riaffiorare il ricordo di Zenone ed il tema caro alla Yourcenar “L’opus nigrum”! E’ da qui che sono partita per costruire il progetto di Land Art per il Furlo. Tale progetto prevede l’installazione di una vasca realizzata in materiale plastico che verrà incassata nella terra per essere a livello del piano di calpestio. La vasca di colorazione nera e di una profondità di circa 12 cm, sarà riempita di acqua che apparirà nera, data la trasparenza, e risulterà immobile. La performance sarà direttamente ispirata al tema dell’opus nigrum (“opera nera”), ovvero la fase alchemica di spoliazione delle forme, della dissociazione degli elementi e di purificazione della materia in un’allegoria del processo di trasformazione che prevede, in fase finale, i colori alchemici dell’albedo (bianco) e della rubedo (rosso), adombrando la conclusione dell’opera uman e il passaggio ad una sostanza superiore. La vasca verrà collocata tra gli alberi che, secondo il progetto, diventeranno “parlanti”. Dagli alberi, infatti, verrà diffusa una elaborazione sonora di frammenti del libro della Yourcenar, dell’autrice Marialisa Monna. Una molteplicità di voci farà “vivere” passi della scrittrice francese, immersi nel tessuto musicale di una composizione del maestro Mauro Bagella, che unisce suoni elettronici, suoni concreti e canto. Si realizzerà un video della performance a testimonianza dell’evento che il pubblico potrà vedere negli spazi della galleria espositiva presso la Casa degli artisti. Durante il vernissage ed il finissage è prevista una performance che vedrà l’artista camminare lentamente dentro la vasca piena d’acqua. Inizialmente l’artista sarà avvolta da un mantello nero che a metà percorso verrà lasciato cadere scoprendo un abito bianco; alla fine del percorso, prima di uscire dalla vasca, sul vestito bianco sarà visibile un “bagliore rosso”.

GUARDA IL TRAILER DELLA PERFORMANCE

Immagini dalla performance del 25 agosto

@napoletti

Donatella Vici è nata a Roma, ha vissuto in Francia ed in Norvegia, attualmente vive e lavora a Roma. Diplomata al Liceo artistico, laureata presso ISCR di Roma, svolge attività artistica dal 1984 utilizzando all’inizio tecniche di grafica e collage. con particolare interesse per la carta come materiale, percorso che culminerà nel1988 con la mostra “Lo, spazio del presente”, allestita alla Galleria  Sala 1 di Roma con l’opera “In principio”un labirinto abitabile di carta giapponese a forma di triangolo equilatero di circa 9 metri di lato alto 2 metri. L’opera costituisce l’inizio di una serie di installazioni-che realizzerà fino al 199, nelle quali utilizza diversi materiali, come acqua,ghiaccio,vetro. La mostra “Mutamenti” curata da Simonetta Lux, si inaugura nel 1990 al Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, presenta una grande installazione composta da tre grandi vasche di metallo contenenti tre differenti stati di trasformazione ideali della materia (acqua,vetro, polvere di carta).Dal 1991 l’arte della Vici si arricchiscedi nuove tecniche, utilizza immagini fotografiche, si dedica alla creazione di video e videoinstallazioni. Nel 1994 è a Oslo al Norsk-Videofestival.nel 1995 a Napoli al Festival Europeo della Comunicazione audiovisiva breve (rassegna dal titolo “Corto Circuito”, 1995) nel 1997 a Palermo alla rassegna “L’immagine leggera”. Anche le mostre personali si intensificano, nel 1995 alla Cité Universitaire di Parigi si inaugura “Le silènce du temoin muet” e nel 1996 alla Galerie Jacque Coeur di Montpellier si apre la mostra “Les Habitants”. Dal 1997 inizia gli studi per la composizione elettronica collabora con la compositrice francese Christine Groult che è la sua insegnante del corso presso il Conservatorio della Ville de Pantin (Parigi). Nel 1998-99 rientra in Italia ed inizia un nuovo percorso spostando la sua attenzione sulla performance .e sul diverso uso degli spazi pubblicitari urbani ( mostra “Tutto il potere è da creare”curata da Barbara Tosi, Piazza del Popolo ed Acquario Romano-Roma) Nel 2000 fonda l’associazione Bluklein di cui è presidente e progetta un centro di restauro per l’arte contemporane- ,Dal 2002 ad oggi realizza vari video, è presente in differenti manifestazioni, è cofondatrice di emmebifactory insieme al compositore romano Mauro Bagella ed a Maria Lisa Monna.  Nel 2015 fonda l’Home Gallery “Interno 7″a Roma uno spazio polivalente che accoglie eventi di vario tipo(dalla moda all’arte visiva, alla musica). Dal 2016 entra a far parte del gruppo di artisti che si raccolgono in MESIA SPACE Largo Mesia 3 -Roma e qui partecipa, nel 2017 nello spazio della vetrina, con una mostra personale site specific dal titolo “Stato liquido” (performance e videoinstallazione).