LAND ART AL FURLO VII EDIZIONE: Giulia Ripandelli

27
lug
2016

IMG_9844 - Copia

TO-TEMA

Tessitura (verticale) di un racconto senza parole, To-Tema è un totem/stele in rete metallica su cui si intreccia, come su un telaio, una tessitura in canapa e spago che disegna un tracciato/labirinto/itinerario. Imparentato ai totem pubblicitari, vuole celebrare, in un linguaggio non verbale, l’auspicabile fratellanza del genere umano che dovrebbe riconoscersi come appartenente a uno stesso clan o tribù. Il contrasto fra il metallo e la canapa, inorganico e organico, e il proliferare del secondo che sceglie il primo come base su cui radicarsi, suggerisce la forza della volontà che, anche su terreno sterile, può attecchire e costruire scenari. La trama condiziona la tessitura, la forma delle maglie dà forma al racconto: più la trama sottostante è complessa, più possibilità ci sono nella tessitura, che risulta morbida e movimentata. Complessità è possibilità. Il gesto manuale del tessere, retaggio di sapienza popolare, si adatta e interpreta la trama sottostante inventando il percorso a seconda delle possibilità di appiglio tra le maglie della rete, come l’acqua che si espande dove trova spazio prendendo la forma del contenitore; come l’essere umano che, nei suoi spostamenti dettati dalla necessità, si inventa ogni giorno una nuova strada. La rete, schermo che lascia passare solo l’aria o i piccoli corpi, cattura un momento di storia, un’entità troppo densa per attraversarla, ma, sviluppandosi in verticale, indirizza le sue parole mute verso il cielo, vanificando così la sua stessa funzione: isolare, fermare, impedire il passaggio. Diventa schermo diafano, carta geografica di un viaggio, dove il labirinto risultante dal percorso della tessitura appare quasi sospeso nell’aria.

Giulia Ripandelli nasce a Roma il 16 dicembre 1957. Diplomata in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma, lavora come scenografa, decoratrice d’interni, illustratrice e grafica prima di dedicarsi esclusivamente alla ricerca artistica e alla didattica, che approfondisce frequentando un corso quadriennale di formazione in arte-terapia ad indirizzo steineriano. Ha partecipato a numerose mostre, collettive e personali, e a diversi premi e concorsi in cui si è classificata fra i finalisti. Ha vinto il 2° Premio della Biennale d’arte contemporanea Shingle 22j 2015. Dal 2004 al 2011 fonda e gestisce DeltaArte, personale studio ma anche galleria e luogo di confronto aperto agli altri artisti dove cura e organizza corsi, seminari, mostre ed eventi. Nel 2014 crea, insieme allo storico dell’arte Sandro Polo, la rivista ondine WunderMap – Itinerari d’arte e curiosità. La sua ricerca artistica è incentrata prevalentemente sull’uso di materiali poveri o di recupero come carta, stoffa, legno, spago e sul riutilizzo di oggetti “trovati” cui dona nuova collocazione all’interno delle sue composizioni. Vive e lavora a Roma

LAND ART AL FURLO VII EDIZIONE

Totem scritture verticali

Vernissage: 21 Agosto ore 10.30

Dal 21 agosto al 18 settembre 2016. Tutti i giorni 10/19 ingresso libero

Via Sant’Anna del Furlo 39 – 61034 Fossombrone PU

Casa Degli Artisti – Residenza Creativa
Sant’Anna del Furlo, 39 – 61034 – Fossombrone (PU)
Andreina De Tomassi: 342 3738966
casartisti@gmail.com www.landartalfurlo.it

PRESS OFFICE
ComunicaDesidera Roberta Melasecca Architect/Editor/Pr
www.comunicadesidera.com
M.
info@comunicadesidera.com T. 349.4945612