LAND ART AL FURLO VII EDIZIONE: Pippo Cosenza

10
ago
2016

giuseppe cosenza

Numerare la natura

Punto di partenza del progetto è una trave a doppio T trovata in loco, un relitto che forse non avrebbe mai potuto essere utilizzato, ma che ha dato vita a un’idea: utilizzare la trave come coinvolgimento diretto degli oggetti che fanno parte della realtà del luogo e della loro antica necessità per diventare parte integrante dell’elaborazione creativa e tale da assumere una importanza esteticamente rilevante in relazione con il luogo, con l’ambiente, con il contesto esistente già connotato dagli interventi che i vari artisti hanno realizzato e definito in sette anni. Scrive Germano Celant: “l’arte crea uno spazio ambientale, nella stessa misura in cui l’am­biente crea l’arte.” L’azione artistica consiste nell’inserire, negli incavi dei due lati della trave, delle formelle in terracotta di argilla refrattaria smaltata o con metodo tradi­zionale o con tecnica raku. Le formelle del lato interno “A” della trave registreranno alcuni numeri della successione di Fibonacci e si alterneranno con altre che riporteranno elementi simbolici di molteplice origine. I numeri di Fibonacci trascritti sulle formelle disegnano come è noto un ritmo di proliferazione naturale. Le formelle interne al lato “B” rappresenteranno soltanto elementi simbolici. L’elemento di copertura della trave sarà sempre realizzato in terracotta maiolicata.

Pippo Cosenza è nato a Palermo, ma vive e lavora a Perugia. Si è laureato a Palermo in Ingegneria Nucleare e all’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia in Tecniche della Scultura. Questa dualità dell’anima di Pippo Cosenza, materialmente distante, ma sentimentalmente vicino alla terra dell’infanzia e dell’adolescenza, viene trasfigurata nei suoi artefatti per il tramite del filo della memoria che visualizza con simboli magici la nostalgia per il tempo passato e per il luogo lontano. In questi ultimi anni il sacro fuoco creativo lo sospinge a mostrare sempre più assiduamente i suoi esiti artistici con frequenti esposizioni in personali e collettive, con partecipazioni in simposi in Italia e all’estero. Le sue opere sono presenti in Musei e luoghi Istituzionali nazionali e internazionali, vince concorsi e premi d’Arte e svolge una intensa attività come curatore e organizzatore di eventi. Scrive Luciano Cancelloni:”Per Cosenza il linguaggio dell’arte non si limita ad un fenomeno segnico, diviene comunicazione, condivisione della sensibilità e della passione. Si fa metalinguaggio dove l’oggetto d’arte è strumento idiomatico, è l’universo che giace carsicamente come un magma. Senza ripetitività non si disperde in artificiosi e accattivanti “arzigogoli”, va diritto all’essenza del messaggio iconografico. In alcune opere sono presenti linguaggi che vanno dall’astrazione alla figurazione prive di antinomie, l’apparente contraddizione è sostanza per espletare la complessità dei soggetti nel loro rappresentarsi.” www.cosenzainarte.it – cosenzagiuseppe@yahoo.it

formelle lato b - Copia

elemento di chiusura - Copia

LAND ART AL FURLO VII EDIZIONE

Totem scritture verticali

Vernissage: 21 Agosto ore 10.30

Dal 21 agosto al 18 settembre 2016. Tutti i giorni 10/19 ingresso libero

Via Sant’Anna del Furlo 39 – 61034 Fossombrone PU

Casa Degli Artisti – Residenza Creativa
Sant’Anna del Furlo, 39 – 61034 – Fossombrone (PU)
Andreina De Tomassi: 342 3738966
casartisti@gmail.com www.landartalfurlo.it

PRESS OFFICE
ComunicaDesidera Roberta Melasecca Architect/Editor/Pr
www.comunicadesidera.com
M.
info@comunicadesidera.com T. 349.4945612