Artisti | 07/07/2021 19:07 | Andreina De Tommasi

Il Labirinto non è un’opera “materiale” ma si tratta di un percorso botanico con arbusti, erbe, pietre e querce secolari. All’ingresso del labirinto, appesa ad un tronco d’albero, vi è una tavoletta in ceramica raffigurante Pacha Mama, che in lingua quechua significa “Madre terra” ed è stata posta all’ingresso per preparare il visitatore all’esperienza che lo attende. Dall’ingresso si dirama un reticolo di sentierini battuti e vicino ad alcune piante l’artista, ha scritto il nome su delle pietre, riconosciamo così il pungitopo, il corniolo, il prugnolo, lo scotano, il biancospino, il meliloto, solo per citarne alcune. Nel tempo crescono altre piante e altre erbe e con il passaggio di animali selvatici il luogo cambia, quindi il labirinto vegetale è in continua evoluzione tuttavia, attraverso una modesta manutenzione, il percorso continua ad essere visibile e percorribile nel tempo.


Artisti | 07/07/2021 19:07 | Andreina De Tommasi


Partecipa anche tu

Vogliamo lavorare collettivamente per salvaguardare il paesaggio, la biodiversità e promuovere l’arte sostenibile. La Bellezza come necessità e Bene Comune.

LEGGI Di PIU'